Pechino riconosce la tutela a Supreme - Carpinvest
51948
post-template-default,single,single-post,postid-51948,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

Pechino riconosce la tutela a Supreme

Pechino riconosce la tutela a Supreme

Il caso di Supreme è probabilmente la più nota fattispecie di “legal-fake”, ossia la concorrenza parassitaria nei confronti di Aziende che non hanno tutelato sufficientemente i propri asset con un portfolio marchi adeguato.

Ma Supreme non è l’unico brand che ha dovuto fare i conti con una contraffazione “quasi legale”: i casi di trademark-squatting sono più comuni di quanto si possa immaginare, specie in settori di nicchia (musica e sport, per citarne due che abbiamo seguito direttamente).

A distanza di anni, e varie battaglie legali, la Cina sembrerebbe aver concesso tutela alla “vera” Supreme.

Leggi l’articolo: https://bit.ly/3hiHhwp