La Juve in prima linea nella lotta ai falsi - Carpinvest
40754
post-template-default,single,single-post,postid-40754,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-6.4.1,vc_responsive

La Juve in prima linea nella lotta ai falsi

La Juve in prima linea nella lotta ai falsi

Il contrasto alla contraffazione del merchandising calcistico diventa una necessità per tutti i club anche non di primo piano.

L’esperto: <<È stata la prima società a implementare i controlli allo stadio e può essere considerata un modello di riferimento>>

Bancarelle davanti agli stadi con magliette false in bella mostra, prodotti dei club di calcio contraffatti sia a livello online (fe­nomeno in crescita esponenziale), sia a livello “fisico” (in occasione degli eventi sportivi). Una produzione di merce ille­gale che erode, di anno in anno, impor­tanti ricavi ai club di calcio titolari dei marchi. Stanno però crescendo le atti­vità di contrasto grazie al supporto delle forze dell’ordine nei diversi territori.

Per comprendere le dimensioni del fenome­no, Tuttosport ha incontrato Luca Asca­ri, brand protection manager di Carpin­vest ( agenzia investigativa specializzata nella tutela dei marchi sportivi). Una re­altà internazionale ( con collaboratori in Spagna e Inghilterra) e con base in Italia (nella città di Carpi).

Scarica il PDF per saperne di più: CLICCA QUI